Odilo Globocnik

 Nacque a Trieste nel 1904 da una famiglia di piccola borghesia. Si iscrisse al Partito Nazista nel 1931 e alle SS nel 1934.
Prima che l’Austria venisse inglobata nella Germania nazista (1938) era stato nominato nel 1936 capo del Partito per la Carinzia.
Nel 1938 venne promosso Gauleiter a Vienna. Nel gennaio 1939 venne destituito per questioni di corruzione.
Nel novembre 1939 per ordine di Himmler venne promosso generale delle SS e capo delle SS e della polizia del distretto di Lublino.
Nel 1942 nel quadro della Aktion Reinhard venne nominato capo delle unità speciali. Venne utilizzato per l’eliminazione degli ebrei polacchi a Belzec, Sobibor, Treblinka e Majdanek. Lavoro in cui si distinse, causando la morte di 1.500.000 ebrei.

Nell’agosto 1943, sembra a causa di conflitti interni alle SS, venne trasferito a Trieste come capo supremo delle SS e della Polizia.
Al termine della guerra venne catturato dagli inglesi ma riuscì a sottrarsi al processo che lo attendeva suicidandosi nel maggio 1945.

Questo articolo è inserito in La Resistenza in Friuli, Resistenza e Partigiani, Vecchio sito. Bookmark: permalink.

Comments are closed.